Pages

mercoledì 16 settembre 2009

martedì 15 settembre 2009

5 Pezzi per bambini: Ninna nanna




Ho deciso di rendere partecipi a pianosolo.it anche i miei allievi. Sono piccoli per cui hanno bisogno di essere stimolati. Per cui ho deciso di rendere interessante lo studio del pianoforte inserendo nel blog 5 pezzi per bambini spero che piaceranno sia a loro che a voi, ora vi metto a disposizione il primo dei 5 pezzi intitolato Ninna nanna.


DESCRIZIONE DEL PEZZO
Il brano è stato scritto in 12/8 ed è in Re maggiore. Non ci sono passaggi impegnativi tranne nelle battute 4 e 7. Il brano é composto da 7 battute ma potrete suonarla all' infinito, infatti il pezzo è ciclico. Non è stata messa diteggiatura perchè non ci sono salti particolari. La sinistra accompagna la destra con arpeggi che non sempre si trovano sull' accordo fondamentali, perciò leggete le note con attenzione.
Non aggiungo altre cose e vi lascia ad una...

Buona nanna! =)

lunedì 14 settembre 2009

Pearl Harbor

L' articolo si è spostato Quì

domenica 13 settembre 2009

sabato 12 settembre 2009

Stesura E-Book

L' articolo si è trasferito Quì

venerdì 11 settembre 2009

Tutorial: 10 esercizi per sviluppare l' articolazione (n.10)

=== Esercizio n.10 ===















Ecco l' anteprima dell' esercizio n.10


Per scaricare lo spartito completo clicca Quì



*** Tutto quello che c'è da sapere sullo spartito ***


Posizione della mano: la mano destra nella prima parte del pezzo (quando canta la destra) è posizionata su Do#,Re,Mi,Fa#,Sol mentre nella seconda parte (quando canta la sinistra), è posizionata su Si,Do#,Re,Mi,Fa#. La mano sinistra è posizionata nella prima parte del pezzo su Si,Do#,Re,Mi,Fa# , mentre nella seconda parte del pezzo su Do#,Re,Mi,Fa#,Sol.


Anche l' esercizio n.9 era in 6/8, quindi per maggiori chiarimenti si rimanda al suddetto esercizio.



*** Domande frequenti ***


- Con quale diteggiatura va suonato l' ultimo passaggio della sinistra?

Allora, all' ultima riga si arriva con il 4 sul Re e il 3 sul Mi. Poi "Re,Do#,Re,Mi,Re,Do#,Si" va suonato con 3,4,3,2,3,4,5. Se ci riesce scomodo, prima del passaggio di crome, si può cambiare posizione della mano in modo tale da far combaciare sul Re il 2, ottenendo: 2,3,2,1,2,3,4.


*** Studiare l' esercizio ***

Battute 1-2: la destra suona un Fa# con una semiminima puntata mentre la sinistra accompagna arpeggiando l' accordo di Si minore.

Battute 3-4: la destra riempie le battute con un Sol, e la sinistra suona crome Si,Do#,Mi.

Battute 5-6: la sinistra accompagna sempre mentre le destra cambia il ritmo, suonando semiminime accompagnate da crome.

Battute 7-8: nella battuta 6 c'è lo stesso tema della prima battuta solo che la destra suona un Re, anzichè il Fa#. La battuta n.7 è uguale alla battuta 3, e anche quì la destra suona una terza sotto.

Battute 9-10: la battuta 8 prepara la conclusione della prima parte tramite 6 crome seguite da una minima col punto. La sinistra continua gli arpeggi terminando poi con un Fa# che rispetto alla tonalità di Si min, è il 5^ grado.

Dalla battuta 11 alla 21 il brano si ripete con le mani che si invertono il lavoro.



===
Precisazioni ===

Questo era l' ultimo esercizio di questa serie di esercizi che avevano lo scopo di aiutare a sviluppare l' articolazione. A breve incomincerò con altri Tutorial, incentrati sullo sviluppo di altre caratteristiche fondamentali (come può essere l' arpeggio). Se avete idee da suggerire, chiedete pure, grazie per aver seguito questo tutorial....

Christian




giovedì 10 settembre 2009

Gabriel

L' articolo si è trasferito Quì

mercoledì 9 settembre 2009

Tutorial: Pozzoli n.3




L' esercizio è in 6/8 e in La min. Sinceramente non capisco perchè l' esercizio numero 3 sia più semplice dell' esercizio 1 e 2. Però non sottovalutatelo, perchè anche in questo pezzo ci sono alcuni tratti impegnativi che richiedono il giusto studio.

=== SEZIONI DIFFICILI ===

  • Il tema non è composto da 9 note ma bensi 10! il tema non è fatto da Fa#,Sol#,La,Si,Do,Si,La,Sol,Fa, ma a queste aggiungeteci il "mi" che è suonato con la mano sinistra ma è proprio parte integrante del tema.
  • Nella battuta 12, negli ultimo 3/8 la destra tiene premuto il Si e il Re e solo all' ultimo ottavo suona il Sol.
  • Nella battuta 13 iniziano le legature con la mano sinistra. Il Do è legato e, per chi non è a conoscenza di questo fatto, quando 2 note sono legate, la seconda nota è più debole della prima.
  • Dalla battuta 19 inizia il "cresc. a poco a poco" ed è fondamentale rispettarlo per la riuscita del tema, fino ad arrivare al f della battuta 23 dove la sinistra suona gli accordi con un sf (sforzato).
  • Dalla battuta 25 la sinistra accompagna il tema con delle note fondamentali, rispettate le legatura. Sotto ogni legatura ci sono 4 note, poi alzate la mano e riprendete.

=== Precisazioni ===

La penultima battuta contiene una forcella che decresce, così le 4 note Si,Do,Re,Mi, sono in decrescendo. Fino ad arrivare all' ultima nota del pezzo in pp.
Seguite con precisione la diteggiatura che vi sarà fondamentale nei passaggi come la battuta 16 per la mano sinistra.

domenica 6 settembre 2009

Saggi di pianoforte

L' articolo si è spostato Quì

sabato 5 settembre 2009

Registrarsi

L' articolo si è spostato Quì

venerdì 4 settembre 2009

La dinamica

L' articolo si è trasferito Quì

giovedì 3 settembre 2009

mercoledì 2 settembre 2009

Tutorial: Pozzoli n.2

=== SEZIONI DIFFICILI ===

L' esercizio ha una durata di 2 pagine e ha come scopo quello di creare l' indipendenza fra le mani. Infatti le mani si alternano a suonare il tema e molte note vengono tenute, in modo tale da sviluppare anche l' inipendenza tra le dita stesse.

  • Il pezzo inizia col "piano" perciò rispettate questa dinamica. Siamo in 4/4 e la sinistra suona ottavi dove il primo ottavo di ogni movimento viene tenuto per 1/4. La prima difficoltà la incontriamo nella battuta n.7 dove ho cambiato la diteggiatura perchè quella segnata non mi piaceva proprio per niente. Così 1,4,34,25,15 è diventato 1,3,13,24,15. Può essere più difficile da suonare, ma secondo me si ottiene un risultato più efficace.
  • Fate bene attenzione a tutti gli attacchi. Alzate la mano sul finire di una legatura di frase, non suonate tutto legato!
  • Dalla battuta 25 parte un leggero "crescendo a poco a poco" che dura per ben 7 battute!! mai visto un cresc. durare così tanto. Perciò starà nel vostro talento graduare bene il crescendo.
  • Nella battute 37 e seguenti la destra suona semiminime accompagnate da crome. Suonate le semiminime con maggior vigore, dato che oltre ad essere in rilievo per via della legatura, sono anche in risalto per via dell' accento.

=== PRECISAZIONI ===

Le ultime 4 battute vanno suonate a mani alternate ovvero in successione da sinistra verso destra: mano destra,mani sinistra, mano destra, mano sinistra (si può suonare tutto con la destra ma è un "lavoro" inutile).

martedì 1 settembre 2009

Tutorial: 10 esercizi per sviluppare l' articolazione (n.9)

=== Esercizio n.9 ===










Ecco l' anteprima dello spartito n.9





Per scaricare lo spartito completo clicca
Quì.


*** Tutto quello che c' è da sapere sullo spartito ***

Posizione della mano:
la mano destra sta sul Sol,La,Si,Do,Re della 4^ ottava, mentre la sinistra sul Sol,La,Si,Do,Re della 3^ ottava.


Accento ritmico: l' accento ritmico lo troviamo nella battuta n. 16. Sono quelle forcelle posizionate sulla nota "Do" e indicano di dare maggior rilievo a quella nota.


Trillo: il trillo è un abbellimento. Il trillo non è altro che un mordente prolungato, e può iniziare tanto sulla nota naturale e tanto sulla nota superiore, sta a voi decidere.



*** Domande frequenti ***

- In quanti modi possono essere eseguiti i trilli?

In tanti modi e in tante velocità, quella raffigurata sopra è quella ottimale per i trilli di quella battuta, ma i trilli possono anche essere eseguiti in trentaduesimi.

- Quanti tipi di trilli esistono?

Esistono 3 tipi di trilli: quello diretto, quello indiretto e quello con preparazione e/o conclusione.

  1. trillo diretto: è il trillo che inizia con la nota su cui è scritto "tr"
  2. trillo indiretto: è quello che inizia con la nota superiore della nota reale.
  3. trillo preparato: è quello che inizia con delle "notine" di preparazione prima che sono scritte in piccolo come le note di un' acciaccatura o un' appoggiatura.

*** Studiare l' esercizio ***

Battute 1-6: in queste battute la destra suona l' arpeggio di sol, ripetendo 2 volte ogni nota con delle semiminime col punto. La sinistra suona invece col classico ritmo dei tempi composti. Ovvero con una semiminima seguita da una croma.

Battute 7-12: in questo battute la destra usa l' annotazione semiminima-croma e la sinistra suona l' arpeggio.

Battute 13-15: nella battuta 13 le 2 mani suonano contemporaneamente la stessa cosa, nella battuta successiva, la destra continua a suonare "si,do,re" mentra la sinistra suona un Sol. Nella battuta 15 le 2 mani si invertono i ruoli.

Battute 16-18: la destra e la sinistra suonano le stesse note, ma attenzione agli accenti. L' accento non sarà sul "La" (nei tempi ternari l' accento va sempre sulla prima nota) ma l' accento sarà sul "Do". Nella battuta 17 la sinistra continua a suoanare, la destra suona il Sol, poi le 2 mani si invertono.

Battute 19-20: in queste 2 battute le 2 mani suonano le note "sol,do,re" simultaneamente.

Battute 21-22: le 2 mani suonano assieme le note "sol,la,si,re,do,la" attenti a questo passaggio. Se non si riesce a suonare a mani unite, separare le mani e poi proseguite.

Battute 23-29: nelle prime battute le mani suonano un "riassunto" delle 4 battute precedenti e in seguito suonano corme sulle 5 note.

Battute 30-31: la destra suona il trillo, che si prepara a concludere sulla tonica (sol).


*** Precisazioni ***

Nei tempi 3/8, 6/8, e 9/8 ecc.. gli accenti alle note vanno dati ad ogni prima nota dell' unità di movimento. Così nel tempo 6/8 abbiamo 2 pricipale accenti. In una battuta di tutte crome (6 crome) li accenti saranno sulla 1° e sulal 4° nota.

Il tempo

L' articolo si è spostato Quì
 
Copyright (c) Studiare pianoforte - Blogger Templates created by BTemplateBox.com - Css Themes by metamorphozis.com