Pages

sabato 25 luglio 2009

Eseguire in pubblico



Perchè è così importante per un pianista esegure in pubblico?
-Perchè così potete mostrare quanto valete, potete mostrare quanto avete studiato su quel pezzo e di come ne avete rinnovato l'interpretazione, potete mettervi a confronto voi stessi con gli altri, e potrete, esecuzione dopo esecuzione migliorarvi.

Solo eseguendo in pubblico si migliora. Ci sono molti pianisti, che suonano da 10-15 anni, sono fenomenali, ma quando suonano in pubblico si bloccano! questo è davvero un peccato perchè non possono dimostrare agli altri il frutto della loro dedizione alla musica.

Se voi siete di questa cerchia (mi auguro di no) vi consiglio di seguire questi punti (sono adatti anche per chi si emoziona a suonare in publbico e non è ancora un pianista):

1) Eseguire con 100 persone estranee che vi guardano o con 2 è la stessa cosa. Perciò magari per allenarvi, potete chiamare i vostri vicini a sentirvi suonare.

2) Autostima è la parola chiave. Credete in voi... Chopin disse: "convincetevi di suonare bene e suonerete bene."

3) Il pubblico non è li per aggredirvi. Il pubblico è venuto al vostro saggio/concerto per sentire della sana musca classica, e vuole scoprire come suona questo nuovo interprete (tu). Non vi agitate! anche loro sono umani quanto voi, e ve ne accorgerete subito dopo che avete fatto il primo errore e nessuno dirà niente (a me succede sempre così. Sono sempre tesissimo all'inizio, poi commetto il primo errore, noto che il pubblico non se ne è accorto, oppure se ne è accorto ma ascolta in silenzio, e mi convinco che sono venuti li per ascoltare me! quindi facciamogli vedere di che pasta son fatto! da li in poi l'esecuzione diventa quasi uno studio a casa dove la gente attorno a me non esite, ma esistiamo solo io e il mio pianoforte).

4) Il nervosismo matematiamente col passare del tempo cala. Già sapere questo importante aspetto può essere un aiuto. Essere consapevoli che il nervosismo cesserà può essere di grande aiuto.

5) Tenetevi occupati prima del saggio/concerto. Non continuate a pensare "ora tocca a me ora tocca me, manca solo Mozart e poi tocca a me!" ERRATO! piuttosto, perchè non cercate di godervi le esecuzioni degli altri e perchè no rassicurandovi anche sui loro errori?

6) Prima o poi verra la vostra peggiore esecuzione. Prima o poi verrà, non preoccupatevi, anzi è un guaio se non arriva perchè vorrà dire che capiterà in futuro magari quando avremo più popolarità!

7) E' tutta una questione mentale. Ognuno sfoga il nervosismo alla propria maniera. Per esempio c'è una pianista famosa che per sfogare la tensione preconcerto, si ritira una settimana prima in una casa di campagna a dare da mangiare ai lupi!
Osservate le esecuzioni degli orientali: Si siedono al piano, non partono subito a suonare ma bensì si sistemano e intanto si dicono frasi nella loro mente, e poi in tutta tanquillità partono. E' incredibile questo loro modo di concentrarsi...

8) Non preoccupatevi dell'errore. E' impossibile suonare senza sbagliare. Rassegnatevi a questo. Prefissatevi una soglia di 3-4 errori per pezzo. Poi pian piano con l'allenamento cercate di portare questo numero intorno al 2. 2 è più che accettabile. Ricordate che molti vostri errori il pubblico non li considera o non se ne accorge. Non hanno mica studiato il pezzo a menadito come avete fatto voi! perciò niente ansia. Se fate un errore cercate di non fare smorfie strane o cose del genere, continuate come se niente fosse mai accaduto.

Per i più fortunati che si sentono a proprio agio nei concerti, vorrei chiedere come fanno e che trucchi adottano ;)
Mi raccomando, quando suonate, niente paura! infondo state solo facendo qualcosa che vi piace no?

0 commenti:

Posta un commento

 
Copyright (c) Studiare pianoforte - Blogger Templates created by BTemplateBox.com - Css Themes by metamorphozis.com